twitter icon

Stampa

Mercoledì 2 Dicembre - Cammino d'Avvento

mercoledì 2 12

 
“Gesù domandò: "Quanti pani avete?". Risposero: "Sette, e pochi pesciolini" (Mt 15,29-37)

Gesù accoglie le nostre frettolose preghiere quotidiane, le nostre giornate intense, tutti i nostri problemi e insoddisfazioni per ricordarci che Lui ci ama, che si fa piccolo e non ci abbandona.

Signore aiutami sempre a scorgerti presente nei fatti quotidiani, a saper accettare le mie fragilità e debolezze, affidandole a Te, che sei capace di trasformarle in strumenti del tuo amore.

Stampa

Martedì 1 dicembre - Cammino d'Avvento

martedì 1 12

 
«Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete» (Lc 10,21-24)

Proviamo, come i ‘piccoli’, a guardare con gli occhi dell’amore, per ritrovare lo stupore di chi sa cogliere l’impronta Dio nella sua vita.
Beati gli occhi che sapranno ‘vederlo’ nelle umili apparenze di chi ci vive accanto!

Signore Gesù, dammi occhi che sappiano vederti e riconoscerti in ogni persona e in ogni evento della mia giornata

Stampa

Lunedì 30 Novembre - Cammino d'Avvento

lunedì 30 11

 
Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.” (Mt 4, 18-20)

I primi quattro apostoli erano semplici pescatori: le parole che Gesù disse, diedero loro speranza di una vita migliore, si fidarono e lo seguirono. È tutto qui il segreto della fede.

Signore Gesù, che continui ad amarmi nonostante tutto, donami la forza di lasciare ciò che mi tiene lontano da te.

Stampa

Avvento in famiglia - I domenica

I domenica avvento

I domenica di Avvento

"Quello che dico a voi lo dico a tutti: vegliate!" ( Mc 13,33-37)

In cammino verso un Bambino di nome Gesù.
Vegliare significa avere occhi aperti verso il mondo... verso l'altro.

Signore aiutaci a vivere questo Tempo accogliendo, ascoltando, amando.

“Non c’è davvero niente di prezioso che possa durare?”. Questa è la domanda. Sembra che nessuna cosa bella, nessuna cosa preziosa duri. “Ma non c’è davvero qualcosa di prezioso che possa durare? Neanche l’amore?”. E c’è la tentazione che quel “per tutta la vita” che voi direte l’uno all’altro, si trasformi e, col tempo, muoia. Se l’amore non si fa crescere con l’amore, dura poco. Quel “per tutta la vita” è un impegno da far crescere l’amore, perché nell’amore non c’è il provvisorio. Se no si chiama entusiasmo, si chiama, non so, incantamento, ma l’amore amore è definitivo, è un “io e tu”. Come si dice da noi, è “la metà dell’arancia”: tu sei la mia metà arancia, io sono la tua metà arancia. L’amore è così: tutto e per tutta la vita. E’ facile rimanere prigionieri della cultura dell’effimero, e questa cultura aggredisce le radici stesse dei nostri processi di maturazione, della nostra crescita nella speranza e nell’amore. Come possiamo sperimentare, in questa cultura dell’effimero, ciò che veramente dura? Questa è una domanda forte: come possiamo sperimentare, in questa cultura dell’effimero, ciò che veramente dura?

 leggi tutto

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN IRLANDA PER IL IX INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE
(25-26 AGOSTO 2018)

VISITA ALLA CATTEDRALE

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO

Procattedrale di Santa Maria (Dublino)
Sabato, 25 agosto 2018

Per condividere: articoli, lettere, ...

La Bussola della Famiglia

bussola della fam

Forum Ligure Ass. Familiari

Centro di Aiuto alla Vita

Coppia in crisi? Retrouvaille!